Yoga del Suono

una via di guarigione

Perché non c’è nulla più della musica a svelarti fino in fondo: è sensibilità, è intuizione,
è un mondo sottotraccia, che non vuole e non chiede ragionamenti, che entra nella pelle,
attraversa i corpi, si sparge per l’aria che respiriamo.

Roberto Cotroneo

 

Che cosa è lo Yoga del suono?

Lo Yoga del suono o Nada Yoga è una potente pratica spirituale.

E’ un’esperienza musicale attiva, il “suono della coscienza”, in cui s’impiega la propria voce per armonizzare le energie interiori, coltivare l’espressione creativa o l’arte dell’ascolto.

In tutte le antiche culture, compresa la nostra cultura cristiana, il suono è considerato l’inizio della Creazione.
Volgersi al suono vibrato e alle sue risonanze consente di ottenere livelli di profondità ragguardevoli pari allo stato ottenuto nell’ emissione di onde Alpha e Theta.

Il suono è in grado di ri-equilibrare l’intero sistema psico-fisico e, benchè la pratica non intenda sostituirsi alle scelte e all’operato del medico, è un validissimo supporto alle cure mediche in caso di diverse patologie come asma, problemi cardiaci, pressione alta, infertilità, patologie cancerogene e altre patologie legate alla degenerazione del sistema immunitario.

Non ci sono studi scientifici in proposito perchè nessuno di noi ha un potere politico e finanziamenti adatti per sostenere uno studio, tuttavia l’esperienza personale nel campo mi permette di affermare che lo strumento della voce è davvero degno di nota, anche in campo medico.

Nada yoga  con Federica Gazzano prevede diversi  percorsi:

 

Assaporare il silenzio della mente e la potente concentrazione che ne conseguono è parte della pratica.

 

Perchè il suono in gravidanza?

I bambini sono frammenti di polvere di stelle soffiati dalla mano di Dio.
Fortunata la donna che conosce le doglie del parto perché lei ha tenuto una stella dentro sé.
Larry Barretto

 

L’accompagnamento in gravidanza e nel travaglio attraverso il canto è una pratica di tradizione indiana per un parto senza violenza.

In occidente è stato il ginecologo Frederick Leboyer a far conoscere questa pratica orientale.

 

Il canto è usato per calmare o per attivare, a seconda delle necessità nel travaglio e nel parto.
Il bambino inizia a udire all’età di 4 mesi di gestazione nella pancia della mamma, e il canto della madre in gravidanza per lui o lei rimane nella memoria cellulare.
Cantare serve a respirare bene e profondamente ed è uno strumento validissimo per gestire le contrazioni.
Cantare rilascia endorfine naturali e allevia i dolori del parto.
Dopo la nascita il bimbo riconosce i canti che la mamma cantava quando era ancora nel suo ventre e, se piange, spesso si acquieta.

Questo percorso, anche utile per prevenire complicanze, dona sicurezza e pace e dà alle future madri strumenti utili per il travaglio, il parto e il post parto.

Clicca qui per le proposte per mamme, papà e bimbi

Che cosa è la Biofonia?

Tutta la natura sussurra i suoi segreti a noi attraverso i suoni.
I suoni che erano incomprensibili all’anima ora si trasformano nella lingua espressiva della natura.
Rudolf Steiner

Biofonia è una metodologia messa a punto dal musicista Paolo Avanzo per l’armonizzazione delle energie interiori dell’essere umano, attraverso un approccio basato sul suono vibrato e sulla musica.
E’ ispirata alla musica classica indiana e ai raga.
Biofonia nasce anche dagli studi di Paolo Avanzo con il suo maestro Vemu Mukunda sull’evoluzione dell’arte di canalizzare l’energia del suono a scopi di guarigione.
Le cellule del corpo vibrano come corde di uno strumento e riportano equilibrio in tutto il sistema psico-fisico.

 

 

Si utilizza il suono e gli elementi musicali (armonia, melodia, ritmo, timbro), il respiro e il movimento per favorire l’attivazione del Sé e l’integrazione fisica ed emotiva dell’individuo.

 

 

 

Clicca qui per saperne di più sul counseling a indirizzo sonoro

Che cosa è lo studio dei raga?

Studio estremamente complesso che fa parte della musica classica indiana.

Un raga o scala musicale, che significa “colore”, si suona o si canta  durante il giorno, l’alba, la sera e la notte e, a seconda, verte su melodie che “dipingono” le varie sfumature delle emozioni umane, che quindi vengono collegate al ciclo delle 24 ore.

I suoni, le melodie, e dunque i raga, si scelgono tenendo conto delle ore della giornata e dei periodi dell’anno, degli umori e  sentimenti e agiscono su determinati organi ed espressioni emotive.

I raga agiscono sul piano fisico, emotivo, mentale e spirituale e sono strumenti di cura.

Un solo raga, in India, può essere studiato per anni ed anni.

Non avendo io studiato al conservatorio, né in Italia, né in India, dopo avere studiato per sei anni con il musicista Paolo Avanzo e segguendo continui aggiornamenti anche con altri insegnanti,
mi ritengo una semplice allieva che tuttavia può proporre iniziali percorsi di conoscenza ai neofiti

 

Che cosa è lo studio dei mantra?

Mantra: man – tra.
Strumento per liberare la mente.

Lo studio dei mantra è frutto di una esperienza quarantennale di recitazione, spesso in Oriente, e un  incontro recente con il maestro tantrico Patrick Torre che ha, a sua volta, portato in occidente le sue esperienze vissute in India con i suoi maestri.
Per due anni ho approfondito lo studio e il significato del suono con lui in un master per insegnanti di yoga del suono e ora continuo le mie ricerche ed esperienze personali.

Esiste un significato energetico di ogni lettera, di ogni sillaba nel mantra.
Anche le preghiere latine della nostra tradizione cristiana rispettavano una valenza energetica.
Ogni lettera, ogni sillaba, vibrando nel corpo, contribuisce alla purificazione dell’Essere.

Ho recitato per 40 anni, ho studiato sette anni con il maestro di sitar e biofonia Paolo Avanzo, tre anni con il maestro tantrico Patrick Torre , e ora continuo le mie ricerche….

Clicca qui per saperme di più sulla meditazione con il suonoVedi orari e sedi delle meditazioni

 

Che cosa è Hatha Yoga sonoro?

Hatha Yoga sonoro è una pratica di hatha yoga, cioè una pratica corporea,  condotta anche con l’uso di vocalizzazioni.
E’ anch’essa frutto di recenti elaborazioni di antiche pratiche provenienti dalla tradizione tantrica.
Si eseguono posture di yoga vocalizzando suoni seme, vocali, sillabe.
L’effetto è energizzante per il corpo, calmante per la mente, meditativo per l’anima. Stupendo.

Tutte le pratiche sonore sono una sorta di auto-massaggio sonoro: rilassano e contribuiscono ad affrontare e sciogliere nodi mentali, emotivi o fisici anche radicati da tempo.
Sono efficacissime per liberare tensioni quali asma, cervicalgie, problemi circolatori, ansie, difficoltà legate alla gravidanza o alla difficoltà di procreare.

Collaborazioni

Se il tuo yoga studio desidera proporre i seminari sullo yoga del suono, o seminari sonori sui chakra
Se desideri organizzare una performance artistica tra canto e suono possiamo proporre seminari su canto vibrazionale. mantra,  suoni orientali e elettronici.

Contattami per la tua richiesta!

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 643 iscritti.


Share This