Mani, mani forti, sagge, antiche
d’amore forgiate
imbevute, generose.
Mani di donna; scaldano, aprono, scivolano, accarezzano
pazienti
accompagnano nell’arduo cammino.
Mani belle, come non pensavo di sentirne mai sulla mia pelle.
Sei musicista, ispirata
sono arpa da pizzicare
sono tastiera di pianoforte
in un andante sostenuto.
Sei madre presente, sono di domenica farina, acqua e sale.
Sei un’artista, donami forme nuove!
Sono fiori sul tavolo, in attesa di te, in vaso blu.
Claudia – Aprile 2005

 

 

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire
funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul
modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web,
pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che
hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.
Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi